Risultati del Primo Semestre 2019

29/07/2019

RICAVI DEL PRIMO SEMESTRE 2019 € 1.323,8 MILIONI: -0,7% A PERIMETRO COSTANTE; EBITDA € 270,6 MILIONI (20,4% DEI RICAVI) IN CRESCITA DEL 4,1%, STABILE IN CONTINUITA’ DI PRINCIPI CONTABILI. INVESTIMENTI € 101,9 MILIONI

​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​


Risultati 1° semestre 2019:​

Fatturato in calo dell’1,2% a € 1.323,8 milioni (-0,7% a perimetro costante)

EBITDA margin 20,4% a € 270,6 milioni 

EBIT margin 13,2% a € 174,5 milioni
         
         

Investimenti netti € 101,9 milioni


Indebitamento finanziario netto a € 434,5 milioni

 


 

 

Il Presidente Alberto Bombassei: “Pur riflettendo la capacità dell’Azienda di mantenere saldamente le proprie quote di mercato a livello globale, e persino di averle sapute rafforzare ulteriormente in alcuni paesi, i risultati del primo semestre 2019 approvati oggi dal Consiglio di Amministrazione evidenziano il perdurare della difficile situazione in cui si trova ormai da tempo il settore automotive. Ed è proprio quando i mercati sono in difficoltà che l’innovazione continua di processi e prodotti, da sempre un valore assoluto per Brembo, gioca un ruolo fondamentale per garantire il successo competitivo. Per questo Brembo continuerà ad investire in tecnologie produttive, in ricerca e sviluppo e ad avvalersi di professionalità eccellenti a sostegno della nostra crescita.”

 

Il Vice-Presidente Esecutivo Matteo Tiraboschi: “Credo sia molto importante, specialmente in una fase di stagnazione dei mercati come quella che stiamo attraversando, sottolineare la sostanziale tenuta dei nostri fondamentali, e in particolare il buon livello di profittabilità legata alle performance degli impianti produttivi, nonostante non siano ancora a pieno regime. Grazie ad un portafoglio prodotti all’avanguardia, ma anche grazie a strategie di distribuzione geografica dettate dalla volontà di collaborare attivamente con i propri clienti là dove operano, ritengo che Brembo possa continuare a proiettarsi verso un futuro di crescita a lungo termine.”


 

Effetti dell’applicazione del nuovo IFRS 16​


Si ricorda che, a partire dal 1° gennaio 2019, il Gruppo ha adottato il nuovo principio IFRS 16 con metodo retrospettico modificato (opzione B, senza restatement dei contratti già in essere al 1° gennaio 2019 e non applicando il principio alle attività di “scarso valore” e a breve termine). I dati del primo semestre 2019 includono i seguenti impatti derivanti dall’introduzione del nuovo principio contabile:​

- storno costi di noleggio per € 10,9 milioni​;

- incremento ammortamenti per € 9,6 milioni​;

- incremento oneri finanziari per € 2,5 milioni​;

- incremento Capitale netto investito per € 181,9 milioni;

- incremento Posizione finanziaria netta per € 182,8 milioni.​​ ​

 

I risultati del primo semestre 2019​

Il Consiglio di Amministrazione di Brembo, presieduto dall’Ing. Alberto Bombassei, ha esaminato ed approvato i risultati semestrali del Gruppo al 30 giugno 2019. 


 

I ricavi netti consolidati del Gruppo Brembo nel primo semestre 2019 ammontano a € 1.323,8 milioni, in calo dell’1,2% rispetto al primo semestre dell’anno precedente. A perimetro costante, il fatturato è in calo dello 0,7%. 

Si segnala che a partire dal 30 giugno 2019, Brembo ha deciso di cessare la propria attività industriale nell’impianto di Buenos Aires, cui seguirà la liquidazione della società Brembo Argentina S.A. La decisione di Brembo è legata all’impossibilità di dare impulso a nuovi progetti a causa del forte calo del mercato automotive argentino e alle sue poco rassicuranti prospettive di ripresa, da cui consegue la decisione da parte dei principali produttori locali di rinunciare a progetti industriali e all’uscita di nuovi modelli. 

In applicazione del principio contabile internazionale IFRS 5 sono stati pertanto stornati i ricavi e i costi della società argentina del primo semestre 2019. Il risultato negativo dell’attività operativa ordinaria dell’azienda al 30 giugno 2019, nonché la stima dei costi connessi alla dismissione, sono stati riclassificati nella voce di conto economico “Risultato derivante da attività operative cessate” e ammontano a € 6,8 milioni. 


 

Passando ad analizzare i settori di attività in cui il Gruppo opera, si evidenzia come, a parte il segmento auto, la cui diminuzione (-3,8%) è legata ai pesanti cali generalizzati delle vendite di veicoli (le immatricolazioni a livello mondiale sono calate del 6,6% nel primo semestre 2019), tutti gli altri settori sono in crescita. Le applicazioni per motocicli, infatti, segnano un +5,4%, quelle per veicoli commerciali un +8,7% ed infine le competizioni chiudono a +7,7% rispetto al primo semestre dell’anno precedente. 


 

A livello geografico, le vendite sono in calo del 4,6% in Italia, del 13,6% in Germania, mentre sono in crescita del 5,3% in Francia e dell’1,0% nel Regno Unito. 

Per quanto riguarda il continente asiatico, l’India continua a crescere e segna un +18,2%, la Cina è sostanzialmente linea (-0,5%) nonostante il forte calo del mercato di riferimento, il Giappone è in flessione del 7,6%. 

Il mercato nordamericano (Stati Uniti, Messico e Canada) è in crescita del 6,7%, mentre il Sudamerica (Brasile e Argentina) chiude in calo del 26,8%, principalmente per effetto della riclassifica della società argentina: a parità di perimetro il calo si ridurrebbe al 7,1%. 


 

Nel primo semestre 2019 il costo del venduto e gli altri costi operativi netti ammontano a € 823,8 milioni, con un’incidenza del 62,2% sui ricavi, in calo rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, quando era pari al 63,6% dei ricavi. 


 

I costi per il personale ammontano a € 235,3 milioni, con un’incidenza del 17,8% sui ricavi, e si confrontano con € 236,1 milioni (17,6% dei ricavi) del primo semestre 2018. I dipendenti in forza al 30 giugno 2019 sono 10.579, in calo di 55 persone rispetto al 31 dicembre 2018 (totale dipendenti 10.634) e in aumento di 195 rispetto al 30 giugno 2018 (totale dipendenti 10.384). 3/9 


 

Il margine operativo lordo (EBITDA) del semestre ammonta a € 270,6 milioni (20,4% dei ricavi), in incremento del 4,1% rispetto allo stesso periodo del 2018. Al netto dell’effetto del principio contabile IFRS 16, il margine operativo lordo sarebbe pari a € 259,7 milioni (19,6% dei ricavi). 


 

Gli ammortamenti del periodo in esame incrementano del 30,3% per effetto dei significativi investimenti effettuati nei periodi precedenti, e si attestano a € 96,1 milioni (€ 86,5 milioni al netto dell’effetto del principio contabile IFRS 16). 


 

Il margine operativo netto (EBIT) è pari a € 174,5 milioni (13,2% dei ricavi), in calo del 6,3% rispetto al primo semestre 2018. Al netto dell’effetto del già citato principio contabile IFRS 16, il margine operativo netto sarebbe pari a € 173,2 milioni (13,1% dei ricavi). 


 

Gli oneri finanziari netti ammontano nel semestre a € 6,7 milioni (€ 5,6 milioni al 30 giugno 2018); tale voce è composta da oneri finanziari per € 7,7 milioni (€ 4,4 milioni nel primo semestre 2018) e da differenze cambio nette positive per € 1,0 milioni (€ 1,2 milioni negative nell’analogo periodo dell’anno precedente). Al netto dell’effetto del principio contabile IFRS 16, gli oneri finanziari netti ammonterebbero a € 4,2 milioni. 

Il risultato prima delle imposte ammonta a € 167,9 milioni (12,7% dei ricavi) e si confronta con € 180,6 milioni del primo semestre 2018. 


 

La stima delle imposte, calcolata in base alle aliquote previste dalla normativa vigente, è pari a € 37,0 milioni (€ 39,0 milioni nel primo semestre 2018), con un tax rate del 22,0% (21,6% lo stesso periodo dell’anno precedente). 


 

Dopo aver dedotto la voce “Risultato derivante da attività operative cessate” per € 6,8 milioni (relativa al risultato di Brembo Argentina S.A. come descritto sopra), il semestre chiude con un utile netto di € 123,4 milioni, in calo dell’11,9%, rispetto a € 140,1 milioni dell’analogo periodo dell’anno precedente. 


 

L’indebitamento finanziario netto al 30 giugno 2019 si attesta a € 434,5 milioni; a parità di principi contabili applicati sarebbero € 251,7 milioni, in calo di € 11,4 milioni rispetto al 30 giugno 2018.

Prevedibile evoluzione della gestione

In un contesto di importanti contrazioni dei volumi su tutti i mercati automotive in cui il Gruppo opera, Brembo ritiene di chiudere l’esercizio con volumi in leggero calo rispetto all’anno precedente, mantenendo tuttavia una redditività in linea con il 2018.


 


 

Assemblea degli Azionisti​

L’Assemblea odierna di Brembo S.p.A. ha confermato l’Ing. Daniele Schillaci quale componente Esecutivo del Consiglio di Amministrazione della Società, sino alla scadenza del mandato dell’attuale Organo Amministrativo (prevista alla data di approvazione del bilancio dell’esercizio 2019). Il Consiglio d’Amministrazione, sempre in data odierna, ha quindi nominato l’Ing. Daniele Schillaci quale Amministratore Delegato, conferendogli i relativi poteri*.
In considerazione del “mix” di competenze del Consiglio d’Amministrazione di Brembo, che include figure di primissimo piano a livello nazionale ed internazionale, e del pacchetto retributivo del nuovo Amministratore Delegato - integralmente riconosciuto quale emolumento per la Carica - l’Assemblea ha inoltre approvato la modifica del compenso totale da attribuire al Consiglio di Amministrazione, portandolo a € 9,5 milioni. Tale importo ha lo scopo di rappresentare, anche per il futuro, un elemento di attraction e retention ed è allineato al mercato di riferimento per Società equiparabili a Brembo.

Il verbale della riunione assembleare sarà messo a disposizione del pubblico entro i termini di legge.

*L’ing. Daniele Schillaci risulta in possesso dei requisiti previsti per la carica di Amministratore dalle disposizioni normative e regolamentari vigenti, dallo Statuto e dal Codice di Autodisciplina di Brembo S.p.A. Alla data odierna l’Ing. Daniele Schillaci non risulta detenere alcuna azione della Società.


 
       
 
 
 
 
 
 
 
​   ​               

 
​​
​​

 

 

Formula 1 2009 VS 2019: freni a confrontohttps://www.brembo.com/it/company/news/f1-2009-vs-2019Formula 1 2009 VS 2019: freni a confronto10 anni fa la favola della Brawn GP con freni Brembo12019-09-19T22:00:00Z0
Il GP Singapore Formula 1 2019 secondo Brembohttps://www.brembo.com/it/company/news/formula-1-singapore-freni-bremboIl GP Singapore Formula 1 2019 secondo BremboAi raggi X l’impegno dei sistemi frenanti delle monoposto di Formula 1 a Marina Bay 12019-09-16T22:00:00Z0

 

 

Racinghttps://www.brembo.com/it/company/news/racingRacingSCOPRI QUALIBTS-bottomDx0RACING40 ANNI DI SUCCESSI SOTTO LA BANDIERA A SCACCHI
Ricerca continuahttps://www.brembo.com/it/company/news/ricerca-continuaRicerca continuaSCOPRI DI PIU'BTS-bottomDx0RICERCALA RICERCA BREMBO E' SEMPRE UN PASSO AVANTI
Testinghttps://www.brembo.com/it/company/news/testingTestingSCOPRI COMEBTS-bottomDx0TESTINGUN MILIONE DI CHILOMETRI PER LA FRENATA PERFETTA
Compasso d'oro Adihttps://www.brembo.com/it/company/news/compasso-doro-adiCompasso d'oro AdiSCOPRI DI PIÙBTS-bottomDx0DESIGNPer Brembo la bellezza è un valore
Approccio Greenhttps://www.brembo.com/it/company/news/greenApproccio GreenSCOPRI COMEBTS-bottomDx0APPROCCIO GREENVERDE NEI PROCESSI. VERDE NEI PRODOTTI

Brembo S.p.A. | P.IVA 00222620163

Seguici su

Seguici su FacebookTwitterYouTubeLinkedInPinterestInstagramYoukuWeibosnapchat.pngwechat.pngVK