Il GP Canada Formula 1 2019 secondo Brembo

03/06/2019

 Ai raggi X l’impegno dei sistemi frenanti delle monoposto di Formula 1 al Circuit Gilles-Villeneuve

​​​​​

Dal 7 al 9 giugno il Circuit Gilles-Villeneuve ospita il 7° appuntamento del Mondiale 2019 di Formula 1. Intitolato al leggendario pilota della Ferrari, ha festeggiato nel 2017 il 50° anniversario del primo GP Canada Formula 1: le prime 10 edizioni si corsero però a Mosport Park (8) e Mont-Tremblant (2). ​

La pista si trova sull’Isola di Notre-Dame, realizzata artificialmente nel 1965 sul fiume Saint Lawrence durante i lavori di costruzione della metropolitana di Montreal. ​


 


Caratterizzato dall’alternanza di rettilinei, chicane e tornanti è senza ombra di dubbio il banco di prova più impegnativo per gli impianti frenanti delle monoposto che qui sono solite presentarsi con un basso carico aerodinamico.​

Le staccate, tutte decise e molto ravvicinate, determinano temperature d'esercizio elevatissime per dischi e pastiglie, che non hanno il tempo di raffreddarsi a sufficienza nei rettilinei. ​
 
Un ulteriore problema per gli impianti frenanti è costituito dal vento di coda sui due rettilinei principali: quando spinge alle spalle, la velocità sul dritto delle monoposto aumenta, mettendo ancora più alla prova i freni. ​

Secondo i tecnici Brembo, che hanno classificato le 21 piste del Mondiale, il Circuit Gilles-Villeneuve rientra nella categoria dei circuiti altamente impegnativi per i freni. In una scala da 1 a 5 si è meritato un indice di difficoltà di 5, valore ottenuto anche dalle piste di Singapore, Città del Messico e Yas Marina.​


 

 

​L’impegno dei freni durante il GP

Come dimostrato dal GP Monaco, il numero delle frenate non è indicativo dell’impegno richiesto ai freni: al Circuit Gilles-Villeneuve i piloti si affidano ai freni solo 6 volte ogni giro, a fronte delle 8 frenate di Melbourne, delle 11 di Monaco e Baku e delle 15 di Singapore.

In Canada i freni vengono usati per 12,7 secondi al giro, pari ad una percentuale del 18 per cento della durata complessiva della gara. Se il tempo d’impiego dei freni non è nulla di eccezionale, lo sono invece i 5 punti del tracciato in cui la decelerazione massima raggiunge almeno 5 g ed il carico sul pedale supera i 125 kg. ​

Grazie ad essi la media delle decelerazioni massime è di 4,9 g, la più alta del Mondiale. L’energia dissipata in staccata da ogni vettura durante l’intero GP è di 258 kWh, importo identico al GP Messico. ​

Dalla partenza alla bandiera a scacchi i tecnici Brembo hanno stimato che ciascun pilota eserciterà in totale un carico di poco meno di 57 tonnellate sul pedale del freno.​

​  

 

​Le frenate più impegnative

Delle 6 frenate del Circuit Gilles-Villeneuve ben 5 sono classificate come impegnative per i freni e una è di media difficoltà.​

La più critica è alla curva 13 cioè la chicane che precede il famoso "muro dei campioni" dove il controllo in ingresso curva è fondamentale per evitare di saltare sul cordolo: le monoposto arrivano a 338 km/h e frenano per 2,09 secondi per scendere a 133 km/h: ci riescono in soli 122 metri.​

Elevato è lo sforzo richiesto ai piloti: 139 kg di carico sul pedale del freno e 5,2 g di decelerazione. Durissima anche la frenata alla curva 10, perché la velocità crolla da 301 km/h a 65 km/h in 109 metri e 2,64 secondi. Il carico sul pedale è di 179 kg mentre la decelerazione tocca i 5,3 g.​

In termini di spazio di frenata è molto alto anche il valore della prima curva: le monoposto impiegano 113 metri per passare da 317 km/h a 149 km/h in soli 1,93 secondi.​

 

 

Prestazioni Brembo

Le monoposto con freni Brembo hanno vinto 21 delle 41 edizioni del GP Canada a cui hanno preso parte, incluse le ultime 6. Il primo a vincere 3 GP di fila con pinze Brembo è stato Michael Schumacher con la Ferrari, dal 2002 al 2004. ​ 


 

 

 

BREMBO LEADER NELLE COMPETIZIONIhttps://www.brembo.com/it/company/news/brembo-leader-competizioni-2019BREMBO LEADER NELLE COMPETIZIONINel 2019, oltre 400 GP vinti in Formula 1, 500 GP nella classe regina e successo all’esordio nei massimi campionati elettrici12019-12-08T23:00:00Z0
GUIDA ALLA PASTIGLIA GIUSTA: NON SOTTOVALUTATELA O VE NE PENTIRETEhttps://www.brembo.com/it/company/news/brembo-brakes-guida-alla-pastiglia-giustaGUIDA ALLA PASTIGLIA GIUSTA: NON SOTTOVALUTATELA O VE NE PENTIRETEGuida alla scelta delle pastiglie giuste per la mia moto: Scegliere quella giusta tra sinterizzata o organica? Da pista o da strada? Elevate performance o bassa usura? Efficaci a freddo o aggressive a caldo? 12019-12-05T23:00:00Z0

 

 

Racinghttps://www.brembo.com/it/company/news/racingRacingSCOPRI QUALIBTS-bottomDx0RACING40 ANNI DI SUCCESSI SOTTO LA BANDIERA A SCACCHI
Ricerca continuahttps://www.brembo.com/it/company/news/ricerca-continuaRicerca continuaSCOPRI DI PIU'BTS-bottomDx0RICERCALA RICERCA BREMBO E' SEMPRE UN PASSO AVANTI
Testinghttps://www.brembo.com/it/company/news/testingTestingSCOPRI COMEBTS-bottomDx0TESTINGUN MILIONE DI CHILOMETRI PER LA FRENATA PERFETTA
Compasso d'oro Adihttps://www.brembo.com/it/company/news/compasso-doro-adiCompasso d'oro AdiSCOPRI DI PIÙBTS-bottomDx0DESIGNPer Brembo la bellezza è un valore
Approccio Greenhttps://www.brembo.com/it/company/news/greenApproccio GreenSCOPRI COMEBTS-bottomDx0APPROCCIO GREENVERDE NEI PROCESSI. VERDE NEI PRODOTTI

Brembo S.p.A. | P.IVA 00222620163

Seguici su

Seguici su FacebookTwitterYouTubeLinkedInPinterestInstagramYoukuWeibosnapchat.pngwechat.pngVK