Superfici alettate derivate dalla MotoGP per la nuova pinza monoblocco GP4-RS

08/11/2016

 7 motivi per passare subito alla nuova pinza Brembo GP4-RS, la regina delle piste della prossima primavera


 

​Se messe alla frusta in pista le pinze freno di primo impianto della vostra sportiva lasciano un po’ a desiderare? Vi piacerebbe sostituirle con qualcosa di più performante ma non avete ancora trovato la soluzione che coniughi al meglio performance e prezzo?

La nuova pinza Brembo Monoblocco GP4-RS è la risposta a quello che cercavate. Ideata per gli appassionati della pista e per chi vuole qualcosa di veramente innovativo dalle pinze della propria moto, la GP4-RS Brembo prende ispirazione dalla pinza monoblocco sviluppata intensamente in MotoGP e la rende ora disponibile al grande pubblico di appassionati.


Pinze monoblocco GP4-RS  

 

La nuova pinza Brembo Monoblocco GP4-RS, presentata in anteprima ad Eicma 2016, completa la gamma delle pinze Brembo dedicata alla pista. Affianca le GP4-RR e le GP4-RX, entrambe ricavate dal pieno e riferimento assoluto in termini di performance.
Quindi se avete una sportiva con interasse 108 mm e andate in pista con una certa frequenza ora non avete più scuse per non effettuare l’upgrade. E se ancora non siete convinti, vi forniamo 7 buone ragioni per avvalorare questa tesi.


 

1) Leggerezza


La GP4-RS è una pinza monoblocco realizzata con una tecnica fusoria molto complessa e prerogativa esclusiva di Brembo. Il risultato è una pinza più leggera del 10 per cento rispetto alla rinomata Monoblocco M4 che ha primeggiato per tanti anni grazie alle sue caratteristiche di rigidità, leggerezza e precisione di funzionamento.

Pinza monoblocco GP4-RS 

 
Dettaglio pinza monoblocco GP4-RS  



2) Raffreddamento


Dagli impianti della MotoGP sono derivate le alettature intorno ai pistoni: queste alette hanno il compito di dissipare il calore in maniera efficacia durante la frenata. Grazie ad esse la superficie dei pistoni esposta all’aria è superiore del 30 per cento rispetto ad una pinza senza alette. Un guadagno non di poco conto perché si registra in un’area soggetta ad un notevole stress termico e in vicinanza del liquido freni.


 

3) RIGIDEZZA

​Dalla MotoGP sono ispirate anche le nervature ricavate sulla sezione frontale dei pistoni. Questa lavorazione serve a contrastare la deformazione della pinza in presenza di frenate significative. A trarne giovamento è la precisione di funzionamento dell’impianto nelle frenate più intense.

Pinza monoblocco GP4 RS dettaglio  

 

4) Unicità brevettata


Le alettature in prossimità dei pistoni costituiscono una caratteristica di questa pinza protetta da un modello di design. Con la GP4-RS potrete portare sulla vostra moto una soluzione sviluppata per le pinze MotoGP e per la prima volta trasferita ad un prodotto upgrade.

Pinza alettata 

 
Scatola pinza GP4-RS  

5) Prezzo


La nuova pinza GP4-RS offre un rapporto prezzo-prestazioni particolarmente indicato per chi utilizza la moto in pista a livello non agonistico. Un prodotto progettato e realizzato proprio per chi ama districarsi tra i cordoli staccando al limite ma è anche attento al miglior rapporto benefici-costi.


 

6) Pastiglie

​Il kit della pinza GP4-RS comprende pastiglie sinterizzate Brembo studiate per l’uso misto pista/strada. Una soluzione che rende le pinze GP4-RS immediatamente efficaci anche in strada. Per chi vuole il massimo della performance, invece, le pinze GP4-RS sono compatibili con le pastiglie Brembo Racing Z04, una vera “Factory Pad”, utilizzata nei Campionati Mondiali Superbike e SuperSport.

Pastiglia pinza monoblocco GP4 RS  

 
Adesivi termoviranti  


7) Adesivi termoviranti


All’interno del kit delle pinze Monoblocco GP4-RS sono contenuti i medesimi adesivi termoviranti utilizzati in MotoGP per valutare la temperatura raggiunta dalle pinze dopo ogni sessione. Applicando l’adesivo alla vostra pinza GP4-RS avrete modo di misurare i gradi raggiunti e verificarne in prima persona il migliore raffreddamento.


 
                                   

 

 

Jean Todt visita la sede Brembo di Curno http://www.brembo.com/it/company/news/jean-todt-visita-freni-bremboJean Todt visita la sede Brembo di Curno Il Presidente della FIA accolto dal presidente Alberto Bombassei12017-05-24T22:00:00Z0
Al GP di Montecarlo quasi 1000 frenate per i freni Brembo di ogni monopostohttp://www.brembo.com/it/company/news/gp-montecarlo-f1-2017-freni-bremboAl GP di Montecarlo quasi 1000 frenate per i freni Brembo di ogni monopostoQuasi un quarto del tempo speso frenando e oltre 211 kWh dissipati in frenata durante il GP: Montecarlo si conferma il tracciato dove si frena di più12017-05-23T22:00:00Z0

 

 

Sicurezzahttp://www.brembo.com/it/company/news/sicurezzaSicurezzaSCOPRI DI PIU'BTS-bottomDx0SICUREZZAPER BREMBO LA SICUREZZA DEI PROPRI COLLABORATORI E' SEMPRE AL PRIMO POSTO
Testinghttp://www.brembo.com/it/company/news/testingTestingSCOPRI COMEBTS-bottomDx0TESTINGUN MILIONE DI CHILOMETRI PER LA FRENATA PERFETTA
Compasso d'oro Adihttp://www.brembo.com/it/company/news/compasso-doro-adiCompasso d'oro AdiSCOPRI DI PIÙBTS-bottomDx0DESIGNPer Brembo la bellezza è un valore
Approccio Greenhttp://www.brembo.com/it/company/news/greenApproccio GreenSCOPRI COMEBTS-bottomDx0APPROCCIO GREENVERDE NEI PROCESSI. VERDE NEI PRODOTTI
Innovazionehttp://www.brembo.com/it/company/news/innovazioneInnovazioneECCO PERCHÈBTS-bottomDx0INNOVAZIONEIN BREMBO L'INNOVAZIONE NON SI FERMA MAI

Brembo S.p.A. | P.IVA 00222620163

Seguici su

Seguici su FacebookTwitterYouTubeLinkedInGoogle PlusPinterestInstagramVineYoukuWeibosnapchat.pngwechat.png