Pioggia e prima curva le principali insidie per le monoposto di Formula 1 nel GP Brasile

07/11/2017

All’Autódromo Carlos Pace solo 6 frenate al giro

La Formula 1 sbarca in Brasile per il 19° appuntamento del Mondiale 2017, in programma dal 10 al 12 novembre all’Autódromo José Carlos Pace. Situato a São Paulo, nel distretto Cidade Dutra, è intitolato al pilota brasiliano vincitore nel 1975 del GP Brasile. Nel resto del mondo è spesso identificato come Autódromo de Interlagos.


 

Edificato nel 1940, il circuito ha subito diverse modifiche nel corso degli anni fino all’ultima datata 1990. Le vetture girano in senso antiorario e hanno a disposizione rettilinei piuttosto corti: di conseguenza solo in un’occasione sono chiamate ad una frenata che comporta un calo di velocità superiore ai 200 km/h.

La pista è infatti molto guidata, con frequenti cambi di direzione, ma dispone anche di curve ad alta velocità di percorrenza in cui non c’è bisogno di attaccarsi ai freni: è il caso soprattutto della Curva do Sol (curva 3), della Subida dos Boxes (curva 14) e dela Arquibancadas (curva 15).

L’unico ostacolo serio al corretto funzionamento dei freni in carbonio è il maltempo: l’anno scorso si è gareggiato sotto la pioggia e così la temperatura dell’asfalto non ha superato i 21 Gradi Celsius.

Secondo i tecnici Brembo, che hanno classificato le 20 piste del Mondiale usando una scala da 1 a 10, l’Autódromo José Carlos Pace rientra nella categoria dei circuiti meno impegnativi al mondo per i freni. La pista brasiliana si è meritata un indice di difficoltà di 4, identico al valore ottenuto dai circuiti di Silverstone e Suzuka.

 

 
/  

L’impegno dei freni durante il GP

Ogni giro i freni vengono utilizzati appena 6 volte, record negativo del Mondiale insieme alla pista di Monza che però presenta numerose frenate veramente toste.

In totale durante un giro di Interlagos i freni sono in funzione per 12 secondi e mezzo, pari al 18 per cento della durata della gara.

Il ridotto numero di frenate si traduce in una decelerazione media sul giro di 3,9 g, la più alta degli ultimi 7 GP dell’anno. Peraltro, per nessuna delle 6 frenate la decelerazione massima scende sotto quota 3 g.

Anche l’energia dissipata in frenata da ciascuna monoposto durante l’intero GP è contenuta: 127 kWh, quasi lo stesso di Shanghai che però presenta 2 frenate in più ogni giro anche se di modesta entità.

Dalla partenza alla bandiera a scacchi ciascun pilota esercita un carico totale sul pedale del freno di 44 tonnellate, valore praticamente identico al GP Giappone e di poco inferiore al GP Belgio.


 

Le frenate più impegnative

Delle 6 frenate dell’Autódromo José Carlos Pace una sola è classificata dai tecnici Brembo come impegnativa per i freni, 4 sono di media difficoltà e la restante è light.

La più impegnativa in assoluto è la frenata alla prima curva perché le monoposto vi arrivano dopo un’accelerazione senza sosta di 17-18 secondi. Grazie ad essa si presentano alla staccata a 338 km/h e frenano per 2,82 secondi durante i quali percorrono 67 metri.
Per raggiungere i 101 km/h a cui impostare la curva i piloti sono chiamati ad un carico sul pedale del freno di 118 kg e subiscono una decelerazione di 4,5 g.

La stessa forza g si presenta loro alla curva 4, ma la frenata è più corta: 1,91 secondi e 49 metri perché la velocità di percorrenza della curva è di 172 km/h, praticamente la metà di quella a cui le auto arrivano.

Servono oltre un paio di secondi di frenata anche alle curve 8 e 10, le più lente del tracciato con i loro 90 km/h e 81 km/h. Le Formula 1 però vi arrivano a velocità inferiori a 250 km/h e di conseguenza per le due frenate bastano 43-44 metri.


 

Prestazioni Brembo

Le monoposto con freni Brembo hanno vinto 22 delle 42 edizioni del GP del Brasile a cui hanno partecipato. Il pilota più vincente è Michael Schumacher con 4 successi. Tra le scuderie comanda la Ferrari con 10 vittorie, ma l’ultima risale al 2008. Nelle ultime 4 edizioni ha vinto sempre il pilota partito in pole position.


 

 

 

The 11 braking points at Abu Dhabi together with the sweltering heat put the temperature of the F1 brakes at riskhttp://www.brembo.com/en/company/news/brembo-brake-analysis-abu-dhabi-formula-1-2017The 11 braking points at Abu Dhabi together with the sweltering heat put the temperature of the F1 brakes at riskYas Marina has two braking sections that last more than 2.5 seconds12017-11-20T23:00:00Z0
Le 11 frenate di Abu Dhabi unite al caldo torrido mettono a rischio le temperature dei freni delle F1http://www.brembo.com/it/company/news/analisi-brembo-del-circuito-di-abu-dhabi-formula-1-2017Le 11 frenate di Abu Dhabi unite al caldo torrido mettono a rischio le temperature dei freni delle F1A Yas Marina due frenate da oltre 2 secondi e mezzo12017-11-20T23:00:00Z0

 

 

Compasso d'oro Adihttp://www.brembo.com/it/company/news/compasso-doro-adiCompasso d'oro AdiSCOPRI DI PIÙBTS-bottomDx0DESIGNPer Brembo la bellezza è un valore
Approccio Greenhttp://www.brembo.com/it/company/news/greenApproccio GreenSCOPRI COMEBTS-bottomDx0APPROCCIO GREENVERDE NEI PROCESSI. VERDE NEI PRODOTTI
Innovazionehttp://www.brembo.com/it/company/news/innovazioneInnovazioneECCO PERCHÈBTS-bottomDx0INNOVAZIONEIN BREMBO L'INNOVAZIONE NON SI FERMA MAI
Racinghttp://www.brembo.com/it/company/news/racingRacingSCOPRI QUALIBTS-bottomDx0RACING40 ANNI DI SUCCESSI SOTTO LA BANDIERA A SCACCHI
Ricerca continuahttp://www.brembo.com/it/company/news/ricerca-continuaRicerca continuaSCOPRI DI PIU'BTS-bottomDx0RICERCALA RICERCA BREMBO E' SEMPRE UN PASSO AVANTI

Brembo S.p.A. | P.IVA 00222620163

Seguici su

Seguici su FacebookTwitterYouTubeLinkedInGoogle PlusPinterestInstagramVineYoukuWeibosnapchat.pngwechat.png