Come far fronte a 24 ore di frenate a LeMans

15/06/2016

 Guida alle differenze tra i freni Brembo delle LMP1, LMP2 e GTE e relative criticità durante le 24 di LeMans

Mancano ormai pochi giorni alla corsa dell’anno, la 24 Ore di Le Mans. Quest’anno saranno una sessantina le vetture al via, divise in 4 classi differenti. A contendersi la vittoria assoluta saranno soprattutto i prototipi, suddivisi in LMP1 e LMP2.

Un filo meno performanti ma non per questo lente sono le Grand Touring Endurance (GTE), repliche sportive delle supercar stradali più veloci al mondo: a loro volta si ripartiscono in GTE-Pro e GTE-Am. Vetture molto diverse tra loro e diverse anche negli impianti frenanti Brembo utilizzati. Vediamo da vicino le principali differenze.


 

Dischi in carbonio per i prototipi e in ghisa per le GTE

In comune i prototipi delle due categorie (LMP1 e LMP2) hanno il materiale in cui sono realizzati i dischi freno, il carbonio: il materiale che meglio coniuga la capacità di dissipare il calore e la leggerezza.

Una delle principali differenze tra i dischi usati dalle LMP1 e quelli delle LMP2 sta nella “modalità di fissaggio” del disco alla campana. Mentre le LMP2 utilizzano il meno costoso trascinamento a bussoline (utilizzato fino pochi anni fa dalle LMP1), le LMP1 adottano quasi tutte il più costoso trascinamento “spline”.

Si tratta di una soluzione mutuata dalla Formula 1 che consiste nell’inserimento di un elemento in titanio (campana), che collega la fascia frenante al mozzo. Negli anni precedenti la ventilazione era fortemente limitata nella portata in ingresso per effetto del blocco causato dai fissaggi della fascia frenante, ma con l’introduzione dello “spline”, una sorta d’ingranaggio a ruota dentata, la parte interna del disco si è aperta al flusso d’aria.

disco in carbonio Brembo  

 
sistema frenante disco ghisa e pinza Brembo  

Per le vetture GT (GTE e GTE-pro), invece, il regolamento vieta espressamente l’utilizzo di dischi freno in carbonio, motivo per cui per queste vetture Brembo fornisce dischi composti con fascia frenante in ghisa e campana in alluminio.

Qui i team possono scegliere tra diversi tipi di “baffatura” delle fasce frenati Brembo alla ricerca del miglior compromesso tra “bite” in frenata e durata di dischi e pastiglie.

Il diametro dei dischi freni varia molto sia tra anteriore e posteriore, sia in funzione delle scelte dei singoli team. 

In termini di dimensioni dei dischi Brembo le differenze tra le 4 classi sono notevoli. Vediamole nella tabella seguente.


 
LMP1​LMP2GTE-ProGTE-Am
Diametro anteriore dischi320-370 mm370 mm380-390 mm380-390 mm
Diametro posteriore dischi​320-350 mm
345 mm
332-355 mm
332-355 mm
Spessore dischi30-32 mm32 mm35-32 mm​35-32 mm
Materiale dischi​carbonio
carbonio
ghisa
ghisa
Fissaggio“Spline”“a bussole” “a denti”​“a denti”

 

L’incognita temperatura per i dischi freno

Diversi, invece, sono i rischi o le problematiche a cui possono andare in contro i prototipi e le GT in funzione del diverso materiale dei dischi freno. Per i dischi in carbonio la principale incognita è data dalla temperatura di esercizio dei dischi che non deve scendere mai sotto i 350 gradi centigradi, eventualità tutt’altro che remota soprattutto nei lunghi rettilinei e in condizioni climatiche avverse. In questo caso i problemi legati all'eccessivo raffreddamento e alla cosiddetta "vetrificazione" (glazing) del materiale d'attrito non solo possono compromettere l’efficacia della frenata ma addirittura determinare un consumo eccessivo e precoce del disco freno.


 
 
 

Per far fronte a queste problematiche Brembo mette a disposizione dei team un materiale d’attrito per dischi e pastiglie caratterizzato, oltre che da un’usura estremamente ridotta anche da una più efficace conducibilità termica. Questo materiale d’attrito garantisce ottimi tempi di warm-up, cioè massima rapidità nel raggiungimento della temperatura di esercizio più efficiente; ampio range di utilizzo, sia in termini di pressione sia di temperatura, e una risposta in attrito molto lineare.

Tutte caratteristiche che consentono al pilota la perfetta modulazione dell’impianto frenante. L’usura incredibilmente bassa permette inoltre di mantenere le prestazioni inalterate e ripetibili da inizio a fine gara. I dischi freno in ghisa, invece, non richiedono temperature minime d’esercizio e quindi risultano immediatamente efficaci anche a basse temperature. Tuttavia la ghisa è un materiale particolarmente sensibile agli shock temici, per cui per i dischi in ghisa il pericolo maggiore è la formazione di cricche dovute proprio alla continua altalena tra le basse temperature dei dischi nei rettilinei e i brusche staccate.


 
pinza gt argento Brembo  

Diversi materiali per le pinze freno

Un’altra differenza è rappresentata dal materiale con cui sono realizzate le pinze freno Brembo utilizzate dalla maggior parte delle vetture al via.

Tutte sono di tipo “monoblocco”, vale a dire ricavate dal pieno da un unico blocco di materiale o da un forgiato.

Al di là delle diverse geometrie scelta da ciascun team per i quali la forma del corpo pinza è progettata sempre al fine di ottimizzare il rapporto massa/rigidezza, le principali differenze tra le diverse classi riguardano prevalentemente il materiale utilizzato e la finitura superficiale.


 

A occhio nudo la principale differenza riguarda la finitura superficiale: le pinze dei prototipi LMP1 sono caratterizzate da una finitura superficiale che prevede un riporto al nickel, mentre le pinze delle categorie LMP2 e GTE sono caratterizzate da una superfice ossidata. Non visibile a occhio nudo, invece, è il materiale con cui sono realizzate le pinze e che diverge tra LMP1 e LMP2/GTE.

Se alle LMP2 e alle GTE Brembo fornisce pinze in lega leggera di alluminio, le LMP1 sono più esigenti e utilizzano pinze Brembo in una particolare lega di alluminio/litio, decisamente migliori in termini di rapporto peso/rigidezza rispetto alle pinze in alluminio utilizzate dalle LMP2 e dalle GTE.

Brembo equipaggerà la maggior parte delle vetture in tutte le classi per cercare di ripetere, se non addirittura migliorare, le triplette delle ultime annate: l’anno scorso le vetture vincitrici delle categorie LMP1, LMP2 e GTE-Am utilizzavano gli impianti Brembo, così come nel 2014 accadde per le trionfatrici in LMP1, GTE-Pro e GTE-Am.

 

 
 

 

 

 

Al GP di Montecarlo quasi 1000 frenate per i freni Brembo di ogni monopostohttp://www.brembo.com/it/company/news/gp-montecarlo-f1-2017-freni-bremboAl GP di Montecarlo quasi 1000 frenate per i freni Brembo di ogni monopostoQuasi un quarto del tempo speso frenando e oltre 211 kWh dissipati in frenata durante il GP: Montecarlo si conferma il tracciato dove si frena di più12017-05-23T22:00:00Z0
Brembo svela il round 6 del Mondiale Superbike a Doningtonhttp://www.brembo.com/it/company/news/wsbk-2017-donington-freni-bremboBrembo svela il round 6 del Mondiale Superbike a DoningtonAi raggi X l’impegno dei sistemi frenanti delle derivate di serie a Donington Park 12017-05-22T22:00:00Z0

 

 

Sicurezzahttp://www.brembo.com/it/company/news/sicurezzaSicurezzaSCOPRI DI PIU'BTS-bottomDx0SICUREZZAPER BREMBO LA SICUREZZA DEI PROPRI COLLABORATORI E' SEMPRE AL PRIMO POSTO
Testinghttp://www.brembo.com/it/company/news/testingTestingSCOPRI COMEBTS-bottomDx0TESTINGUN MILIONE DI CHILOMETRI PER LA FRENATA PERFETTA
Compasso d'oro Adihttp://www.brembo.com/it/company/news/compasso-doro-adiCompasso d'oro AdiSCOPRI DI PIÙBTS-bottomDx0DESIGNPer Brembo la bellezza è un valore
Approccio Greenhttp://www.brembo.com/it/company/news/greenApproccio GreenSCOPRI COMEBTS-bottomDx0APPROCCIO GREENVERDE NEI PROCESSI. VERDE NEI PRODOTTI
Innovazionehttp://www.brembo.com/it/company/news/innovazioneInnovazioneECCO PERCHÈBTS-bottomDx0INNOVAZIONEIN BREMBO L'INNOVAZIONE NON SI FERMA MAI

Brembo S.p.A. | P.IVA 00222620163

Seguici su

Seguici su FacebookTwitterYouTubeLinkedInGoogle PlusPinterestInstagramVineYoukuWeibosnapchat.pngwechat.png