Comunità

Crescere responsabilmente. Insieme e ovunque

​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​
Creare opportunità per il territorio​

​ 

Da oltre 50 anni Brembo contribuisce direttamente e indirettamente allo sviluppo economico dei territori e di molte comunità nel mondo di cui il Gruppo è entrato a far parte nel corso del proprio percorso di espansione a livello globale. Un percorso nato dalla volontà del Gruppo di mantenere una forte vicinanza geografica ai mercati di riferimento dell’Azienda e ai poli produttivi dei Clienti in cui vengono realizzati i veicoli e le motociclette che montano sistemi frenanti del Gruppo. 


In particolare, l’espansione del Gruppo nei diversi paesi del mondo è sempre avvenuta tenendo in considerazione precise logiche di sostegno alla crescita economica, sociale e occupazionale dei territori e di responsabilità nei confronti delle comunità locali di riferimento. 


Anche nel 2020 la politica di gestione degli investimenti di Brembo, pur risultando ridimensionata a causa delle chiusure messe in atto dai diversi paesi per contrastare gli effetti della pandemia da Covid-19, si è sviluppata in continuità con gli indirizzi seguiti fino ad oggi, mirando al rafforzamento della presenza del Gruppo non solo in Italia, ma anche sullo scenario internazionale. La strategia del Gruppo è stata confermata anche nel 2020, nonostante le difficoltà poste dalla pandemia. 



​Il contributo allo sviluppo del capitale intellettuale dei territori 


Gli investimenti realizzati e le opportunità di lavoro che vengono create nelle comunità locali non esauriscono gli effetti positivi generati da Brembo nei territori di riferimento. Il Gruppo, infatti, ritiene ancora più importante favorire la crescita del capitale intellettuale dei distretti mettendo a disposizione il proprio “sapere” come risorsa per promuovere lo sviluppo dei distretti locali attraverso le attività di formazione del personale e le collaborazioni con diversi istituti di ricerca e di formazione. 


Fra le principali iniziative con cui Brembo si dimostra leva per la creazione e la diffusione di sapere e innovazione a livello locale si distinguono: 


Lo sviluppo dell’hub per l’innovazione Kilometro Rosso, un distretto nato alle porte di Bergamo (territorio dove ha avuto origine Brembo) che svolge il ruolo di catalizzatore di diverse eccellenze - nel campo della ricerca, della produzione high-tech e dei servizi all'innovazione - attive in svariati settori e specialità. 


L’Accademia del Freno insieme al Politecnico di Milano, un’iniziativa di alta formazione tecnico-scientifica nell’ambito dei sistemi frenanti che si propone di integrare il curriculum accademico degli studenti del Dipartimento di Ingegneria del Politecnico di Milano. 


Il sostegno agli istituti tecnici del territorio, importanti per avvicinarsi alle future generazioni già a partire dalle scuole del ciclo d’istruzione secondaria, per poter favorire l’orientamento e l’avvicinamento dei migliori talenti al settore della meccanica.


 

Lo sviluppo sociale e culturale delle comunità locali


Brembo ha instaurato nel corso degli anni un forte legame con i territori in cui è presente, prestando attenzione alle necessità che questi esprimono e delineando un percorso di sviluppo e crescita congiunta. Un percorso che porta il Gruppo a sostenere concretamente numerosi progetti e iniziative a supporto delle comunità locali nelle aree di maggiore bisogno sociale. 


Per garantire una gestione strutturata e strategica delle iniziative sociali, il Gruppo ha istituito a livello centrale il Comitato Sponsorizzazioni socioculturali e Donazioni. Tale organo riunisce periodicamente i responsabili delle principali funzioni aziendali con l’obiettivo di definire criteri, linee guida e priorità su cui incentrare l’attività di sponsorizzazione e donazione in ambito sociale e culturale, determinare il budget annuale dedicato a queste attività, valutare progetti e iniziative da sostenere, nonché monitorare la coerenza e l’efficacia dei progetti promossi. 


Anche nel 2020 Brembo ha confermato il proprio impegno nello sviluppo di diversi progetti e iniziative a sostegno dei territori in cui opera. In particolare, il Gruppo ha sostenuto nel corso dell’anno iniziative lungo le cinque aree di intervento considerate prioritarie da Brembo:


Sociale e tutela dell’infanzia


Istruzione, formazione e ricerca 


 ► Arte e Cultura


Sport


Progetti sociali Brembo nel mondo

La Casa del Sorriso


Dalla collaborazione tra Brembo e Fondazione CESVI, Organizzazione Non Governativa impegnata nel sostegno allo sviluppo e nella lotta alla povertà, è nata nel 2017 la “Casa del Sorriso” di Pune, in India. La Casa del Sorriso ha l’obiettivo di sostenere donne e bambini in situazioni di forte vulnerabilità e consiste in un centro servizi all’interno di un edificio situato a Bibwedi e in tre centri educativi per bambini e ragazzi in zone degradate della periferia di Pune. All’interno di questo hub di servizi e nei centri educativi opera la ONG locale Swadhar, che coordina sul territorio le attività di accompagnamento psicologico, orientamento legale, assistenza medico-sanitaria e avviamento professionale per le donne e programmi di sostegno alle giovani mamme. A favore dell’istruzione e della tutela dell’infanzia, Swadhar promuove attività per bambini e ragazzi dai tre anni fino all’adolescenza. Fondamentale nello sviluppo di questo importante progetto, la partecipazione attiva del team locale di Brembo Brake India, che anche durante l’emergenza sanitaria Covid-19, ha mantenuto un dialogo aperto e costante con le responsabili dell’Associazione Swadhar per garantire vicinanza alle donne e alle famiglie dei giovani che beneficiano dei servizi della Casa del Sorriso. ​


 ​

I was a Sari


“I was a Sari”, uno dei progetti sociali che Brembo sostiene dal 2015, è un’impresa sociale, con sede a Mumbai, fondata da un imprenditore italiano con l’obiettivo di migliorare la vita delle donne indiane delle classi sociali ed economiche più svantaggiate. Il Sari è il tradizionale indumento femminile indiano che si tramanda da secoli nella cultura locale. Le donne impiegate in questo progetto utilizzano stoffe di Sari riciclati o tessuti pregiati per realizzare artigianalmente accessori di moda - collane, braccialetti, borse, stole. Alle donne indiane, attraverso l’insegnamento del mestiere di sarta specializzata, viene così garantito un salario dignitoso e regolare, fornendo loro un prezioso strumento di indipendenza. Nel 2020 il supporto di Brembo al progetto ha permesso di erogare il salario alle donne artigiane con continuità anche durante i tre mesi di chiusura delle attività a causa della pandemia Covid-19, creare un fondo per le emergenze e raddoppiare le borse di studio. ​


 


School on Wheels


Nel 2019 Brembo ha inaugurato, sempre in India, il progetto "School on Wheels", consegnando alla ONG locale Door Step School uno scuolabus attrezzato come una vera e propria aula scolastica itinerante con materiale didattico, lavagne, computer, monitor e materiale audiovisivo per permettere alle educatrici della ONG di erogare le attività di alfabetizzazione e di scolarizzazione di base a favore, complessivamente, di circa 200 bambini. Il bus è utilizzato anche come stanza di lettura mobile per i bambini delle periferie di Pune. Per questo motivo sosta in determinate aree per due ore e rimane a disposizione di coloro che vogliono usufruire del servizio. È un’iniziativa che si rivela molto utile anche per i bambini già capaci di leggere ma che non hanno accesso ai libri. Nonostante la temporanea sospensione delle attività causa lockdown, grazie al contributo di Brembo sono stati distribuiti 8.125 pasti a 3.105 famiglie ed è stato garantito supporto alle insegnanti di Door Step School. A causa dell’emergenza connessa alla pandemia, molti uomini hanno perso il lavoro e, in molte realtà, sono le donne a garantire il sostentamento della famiglia. ​


 

Dream Center​ 


Nel contesto socioeconomico della Cina rurale, per 61 milioni di bambini delle zone sottosviluppate risulta difficile avere accesso a un’istruzione di qualità, così come per i 36 milioni di bambini figli di lavoratori migranti. Il progetto “Dream Center” della ONG locale ADream, prevede non solo la riqualificazione strutturale di alcune scuole nelle aree emarginate, ma anche percorsi formativi mirati per gli insegnanti e la definizione di un programma educativo innovativo, volto a stimolare competenze e aspirazioni di ogni singolo studente, anche attraverso l’utilizzo di aule multimediali. A fianco del sostegno di Brembo Cina, è stata rilevante la partecipazione al progetto dei collaboratori Brembo di Nanchino i quali, attraverso donazioni online al “Tencent 99 Giving Day”, programma di raccolta fondi nazionale di una delle principali società di servizi internet in Cina, hanno contribuito all’acquisto di materiale didattico per i centri.Istruzione di qualità significa anche ridurre il divario educativo tra le città e le campagne, sostenere la formazione quale strumento generatore di opportunità e credere nella possibilità di cambiamento, nel rispetto delle diversità e attitudini di ogni singolo, senza lasciare indietro nessuno.



SOSteniamoci


SOSteniamoci è un progetto, avviato nel 2016 da Fondazione Cesvi in collaborazione con Brembo e il Servizio Minori e Famiglia dell'Ambito Territoriale 1 di Bergamo, che oggi si appresta alla conclusione della seconda edizione. SOSteniamoci è stato ideato con l’obiettivo di affiancare giovani minori stranieri non accompagnati residenti nel territorio di Bergamo nella realizzazione dei loro progetti di vita e di portarli verso l’integrazione sociale e l’autonomia. I 19 ragazzi della seconda edizione di SOSteniamoci sono stati selezionati in base alla loro forte motivazione, al merito e al grande desiderio di costruirsi una vita in Italia. Tutti i partecipanti al progetto hanno firmato un “Patto Educativo di Responsabilità” in cui si impegnano a portare a termine il percorso biennale con serietà ed impegno costante. I giovani vengono supportati non solo dal punto di vista psicologico, ma soprattutto vengono orientati verso percorsi formativi in base alle loro attitudini ed aspirazioni, affinché potenzino le loro capacità.


 

Partnership con il settore giovanile dell’Atalanta


Dal 2018 Brembo è Top Partner del Settore Giovanile dell’Atalanta Bergamasca Calcio, una collaborazione che si inserisce in un lungo percorso di attività a supporto delle eccellenze del territorio da parte dell’Azienda. Brembo sostiene il ruolo sociale dello sport, professionistico e agonistico e condivide con il mondo Atalanta una serie di valori educativi e culturali che caratterizzano i giovani e che permetteranno loro di diventare professionisti nel lavoro e nella vita: la lealtà, lo spirito di squadra, il sacrificio, la formazione il merito, il gusto per le sfide, il supporto al talento e il miglioramento continuo, competenze trasversali alla formazione scolastica. La collaborazione ha permesso la nascita del “Premio Brembo” che viene assegnato annualmente al giovane calciatore più meritevole di ciascuna squadra del vivaio. I migliori atleti vengono individuati da un gruppo di tecnici secondo un criterio di scelta che tiene in considerazione non solo l’aspetto strettamente sportivo, ma anche i risultati scolastici. Brembo sostiene inoltre il progetto “La scuola allo Stadio”, un programma socioeducativo rivolto agli studenti che ha come obiettivo quello di educare i ragazzi al rispetto delle regole, al fair play e a prevenire episodi di discriminazione. La partnership include anche il sostegno di Brembo all’organizzazione dei Football Camp estivi organizzati da Atalanta Bergamasca Calcio per i ragazzi dai 7 ai 14 anni e che ogni anno riscuote una grande partecipazione.


 

Giocamico​


Dal 2014, Brembo sostiene con un contributo annuale il progetto Giocamico dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Giocamico consiste in un sostegno psicologico ai piccoli pazienti in forma di attività ludica preparatoria alla sala operatoria e agli esami diagnostici. I bambini possono così conoscere in modo delicato il proprio percorso di cura: la sala operatoria diventa un’astronave e l’intervento un viaggio avventuroso. Grazie a suoni, immagini e simulazioni, la cura non viene solo raccontata ma vissuta. L’attività ludico-psicologica di Giocamico è oggi disponibile, anche grazie a Brembo, in tutti i reparti pediatrici dell’Ospedale. Nel mese di dicembre, Cristina Bombassei, madrina del progetto Giocamico, ha partecipato all’inaugurazione della nuova sala d’attesa della Neuroradiologia dedicata ai piccoli pazienti che devono sottoporsi a risonanza magnetica. Le pareti di questa sala sono completamente dipinte con stelle, pianeti, razzi e moduli spaziali, come una navicella spaziale nella quale il bambino entra per fare un viaggio, vedendo in lontananza la terra. All’interno c’è la riproduzione di una risonanza magnetica in miniatura, realizzata in legno, dipinta e costruita appositamente in modo che il paziente possa familiarizzare con l’esame che dovrà eseguire. Grazie a questo percorso, i delicati esami di risonanza magnetica sui bambini, che a volte devono restare immobili anche per più di un’ora, possono diventare degli esami ambulatoriali con la riduzione del ricorso ad un’eventuale sedazione e senza necessità di ricovero.


 

FROM e Istituto Mario Negri​


Assecondando la propria natura di azienda fortemente votata all’innovazione, Brembo sostiene progetti di ricerca scientifica in diversi ambiti di applicazione e supporta varie iniziative legate all’istruzione e formazione dei giovani. In particolare, il Gruppo sostiene FROM, Fondazione per la Ricerca dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, nata nel 2008 con l’obiettivo di creare le condizioni necessarie affinché gli operatori dell’Ospedale possano esercitare un ruolo attivo nella ricerca medica nazionale ed internazionale, e con l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, uno dei maggiori centri della ricerca biomedica e farmacologica in Italia. ​

Brembo sostiene la ricerca per contrastare il Covid-19​


Brembo ha deciso di sostenere la ricerca per contrastare il Covid-19 devolvendo a fine marzo 2020, 1 milione di Euro a tre eccellenze della bergamasca, l’Ospedale Papa Giovanni XXIII, la Fondazione per la Ricerca Ospedale di Bergamo (FROM) e l’Istituto Mario Negri, che si sono contraddistinte, in una delle aree più colpite dalla pandemia, per la lotta al Coronavirus combinando la ricerca clinica con quella farmacologica. I tre enti lavorano congiuntamente a tre linee di ricerca partendo da evidenze provenienti da studi clinici esistenti con l’obiettivo di comprendere i meccanismi di azione del virus nell’organismo, identificarne i danni provocati e trovare soluzioni per ridurre significativamente il numero di pazienti da trattare negli ospedali con bisogno di cure intensive. A inizio marzo 2020, Brembo ha inoltre devoluto uno specifico contributo al settore delle terapie intensive dell’Ospedale Papa Giovanni XIII, dove vengono trattati i casi più critici e che richiedono un’assistenza molto complessa e delicata, e a FROM per la raccolta dei dati sull’andamento epidemiologico, sui tipi di trattamento e sui loro risultati. Per un’Azienda come Brembo fortemente radicata sul territorio bergamasco è stato naturale sostenere e riconoscere l’impegno profuso da medici, infermieri, personale amministrativo e tecnici di tutto l’Ospedale nonché sostenere la ricerca che si ritiene essere l’unica strada percorribile per trovare una soluzione efficace a questa situazione così difficile su scala globale.


 

 

Per approfondire l’impegno di Brembo per lo sviluppo sociale e culturale delle comunità locali e per proporre iniziative o progetti, vi invitiamo a scrivere alla casella e-mail: sustainability@brembo.it .​

​ ​


  

​​​ 

 
​​

Brembo S.p.A. | P.IVA 00222620163

Seguici su

Seguici su FacebookTwitterYouTubeLinkedInPinterestInstagramYoukuWeibosnapchat.pngwechat.pngVKTikTok