Ambiente

Oltre il rispetto, l'impegno per l'ambiente


L'efficienza e la tutela ambientale nei processi di produzione ​


Il Gruppo si impegna continuamente a migliorare il ciclo dei processi produttivi e ridurre il proprio impatto sui cambiamenti climatici e sui consumi idrici rivolgendo l’attenzione allo sviluppo duraturo dei territori e delle comunità coinvolte. Per garantire un presidio organico e strutturato dei rischi ambientali, il Gruppo ha sviluppato e mantiene aggiornato un Sistema di Gestione Ambientale riferito allo standard ISO 14001, volontariamente sottoposto a periodico controllo da parte di soggetti terzi indipendenti per verificarne la piena conformità alle norme internazionali.

Il fattore umano, oltre agli investimenti in tecnologie e servizi a protezione dell’ambiente, è un elemento decisivo per assicurare l’effettiva tutela dell’ambiente nelle attività aziendali quotidiane. Per questo Brembo, nell’ambito del Sistema di Gestione, investe in attività di formazione volte a fornire indicazioni su come affrontare i principali aspetti ambientali.  ​

L'approccio di Brembo nel rispettare l'ambiente in tutti i propri siti produttivi nel mondo può essere sintetizzato nell'applicazione delle best practice e degli standard più restrittivi tali da garantire performance di eccellenza. ​


 

I consumi energetici

 

Lo sviluppo di prodotti di elevata qualità e a sempre minor impatto ambientale, si coniuga in Brembo con la costante innovazione dei processi produttivi attraverso l’adozione di soluzioni atte a ridurre l’utilizzo delle risorse, in primis acqua ed energia, in tutte le fasi di lavorazione garantendo un efficiente impiego delle materie prima e la corretta gestione dei rifiuti prodotti.

I consumi energetici sono in prevalenza in forma di energia elettrica (circa il 70% sui consumi totali). A questo proposito, nel 2017 Brembo ha garantito l’approvvigionamento di una parte del proprio fabbisogno di energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili, in linea con l’impegno del Gruppo nel rispetto dell’ambiente e delle risorse naturali.







Interventi di ottimizzazione dei consumi energetici hanno consentito di ottenere importanti risparmi e una significativa riduzione dei costi, specialmente negli stabilimenti storici del Gruppo come quelli presenti in Italia nati con tecnologia di precedente generazione.

In questo ambito sono diverse le soluzioni finora adottate: ad esempio, nella fonderia di alluminio di Mapello (Bergamo) sono stati sostituiti tutti i forni fusori a bacino con forni di nuova generazione, che consentono una drastica riduzione dei consumi di gas metano per tonnellata di alluminio prodotta.

L’efficiente gestione del processo fusorio è possibile conseguire maggiori vantaggi in termini di ottimizzazione del fabbisogno energetico e riduzione del rilascio di gas in atmosfera.

 


Al fine di garantire trasparenza e puntuale informazione su questi aspetti, Brembo dal 2011 aderisce volontariamente alle iniziative del Carbon Disclosure Project, organizzazione indipendente che promuove sinergie fra comunità finanziaria e mondo delle imprese, per monitorare e valorizzare l’impegno nel contenimento del cambiamento climatico e nell’uso responsabile e sostenibile delle risorse idriche.


Nel 2017 Brembo è stata rico​​​​​​nosciuta da CDP fra le aziende leader a livello mondiale per l’impegno nel combattere le cause dei cambiamenti climatici e inserita nella “A list” del programma Climate Change. ​

 

 

Scope 1
Emissioni clima alteranti generate direttamente da Brembo: sono provenienti da impianti, asset e veicoli gestiti direttamente da Brembo. Rientrano in questa categoria le emissioni derivanti dalla combustione di combustibili fossili nei forni fusori, dalle perdite di gas refrigeranti negli impianti di climatizzazione e dall’utilizzo della flotta aziendale.

Scope 2
Emissioni indirette di gas a effetto serra derivanti dalla generazione di elettricità acquistata da Brembo, nonché dal riscaldamento dell’acqua/vapore di cui si approvvigiona il Gruppo attraverso sistemi di teleriscaldamento. Con questi acquisti Brembo contribuisce indirettamente alle emissioni generate dai fornitori di energia o calore.

Scope 3
Emissioni non comprese nelle precedenti categorie, ma connesse alla catena del valore di Brembo. Rientrano in questo ambito le emissioni derivanti dalla distribuzione e movimentazione fra stabilimenti dei prodotti Brembo, dallo spostamento del personale nel tragitto casa-lavoro o per viaggi di lavoro.

 

 
 







L’inventario e la metodologia di calcolo delle emissioni è sottoposta annualmente a certificazione di assurance da parte di un ente terzo in accordo allo standard ISO14064. ​


 

Obiettivi Futuri


In attuazione dell’impegno di Brembo per la tutela dell’ambiente e per il contrasto dei cambiamenti climatici, il Gruppo ha definito obiettivi specifici a medio e lungo termine per la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra:

entro il 2025

Brembo è impegnata a ridurre le emissioni dirette e indirette scope 1 e scope 2 del 19% rispetto ai livelli misurati nel 2015 e a pari perimetro rispetto allo stesso anno​

entro il 2040

Brembo è impegnata a ridurre le emissioni dirette e indirette scope 1 e scope 2 del 41% rispetto ai livelli del 2015 e a pari perimetro rispetto allo stesso anno

​ ​
​  ​​

 
​​La riduzione dei rifiuti​



La totalità dei rifiuti prodotti dal Gruppo è smaltita avvalendosi di imprese esterne specializzate di cui viene verificato il possesso delle necessarie autorizzazioni.

La maggior parte dei rifiuti è dovuta a scarti metallici che vengono reimpiegati nei processi produttivi. Solo il 6% dei rifiuti generati nell’anno, pari a circa 18.000 t, è classificato come pericoloso in accordo alle normative vigenti a livello locale.





 

 
 

 
 

Brembo S.p.A. | P.IVA 00222620163

Seguici su

Seguici su FacebookTwitterYouTubeLinkedInGoogle PlusPinterestInstagramVineYoukuWeibosnapchat.pngwechat.png