Brembo analizza un MotoGP di Catalogna 2017 durissimo per i freni

05/06/2017

Viñales, Marquez e Pedrosa giocano in casa uno dei GP più insidiosi dell’intero campionato per i freni. Ma Rossi e Zarco non staranno a guardare

Dopo Francia e Italia la MotoGP torna in Spagna per il GP Catalogna, 7° appuntamento del Mondiale 2017, in programma dal 9 all’11 giugno presso il Circuit de Barcelona – Catalunya.

Delle 4 gare iberiche, questa è la vera gara di casa per Maverick Viñales, Marc Marquez e Dani Pedrosa, cresciuti a pochi km dal tracciato. La prima pietra del circuito è stata posata nel febbraio 1989 ed è stato inaugurato il 10 settembre 1991 con una gara d’auto del Campionato Spagnolo Turismo. La classe 500 vi è approdata nel 1992 e per 4 edizioni vi ha corso il GP Europa, per poi adottare in seguito la denominazione attuale di GP Catalogna.

Lungo 4.727 metri, presenta 7 curve a sinistra e 9 a destra e vanta un rettilineo principale di 1.047 metri di lunghezza. Grazie ad esso, in passato le MotoGP hanno qui realizzato numerosi record di velocità. A partire da quest’anno, dopo la modifica apportata alle curve 14 e 15, le MotoGP utilizzano lo stesso layout della Formula 1.

Fatta eccezione per il lungo rettilineo, le staccate sono tutte decise e molto ravvicinate. La temperatura dell’asfalto è particolarmente elevata e comporta problemi di raffreddamento dei freni. Di conseguenza, durante il GP le temperature d'esercizio dei dischi e pastiglie in carbonio sono molto elevate: ciò nonostante, grazie agli investimenti sui materiali e sui processi produttivi effettuati da Brembo nell’ultimo decennio, l’impianto frenante risulta pienamente efficace anche a temperature vicine agli 800 gradi.   

 

 

Secondo i tecnici Brembo che assistono il 100 per cento dei piloti della MotoGP 2017 il Circuit de Barcelona - Catalunya rientra nella categoria dei circuiti mediamente altamente impegnativi per i freni. In una scala da 1 a 5 si è meritato un indice di difficoltà di 5, valore raggiunto solo dal Red Bull Ring di Spielberg, dal Twin Ring di Motegi e dal Sepang International Circuit.

Più basso il valore delle altre 3 piste spagnole: indice 4 per Jerez ed Aragon, 3 per Valencia.


 
 

L’impegno dei freni durante il GP

Insieme al circuito di Austin, il Circuit de Barcelona – Catalunya è il solo della prima metà del campionato in cui due volte ogni giro le MotoGP perdono in frenata oltre 200 km/h: alla prima curva la decelerazione è di 239 km/h mentre alla curva 10 è di 205 km/h.

Ogni giro i piloti fanno ricorso ai freni 10 volte per un totale di mezzo minuto al giro: anche a Valencia, dove le frenate sono 9 al giro, i piloti usano i freni per 30 secondi ogni giro. Sul tracciato di Barcellona le Formula 1 usano i freni per meno di 14 secondi.
Di conseguenza nel GP Catalogna MotoGP i freni sono usati per il 28 per cento della gara mentre nel GP Spagna F.1 solo per il 18 per cento.

Complici 4 frenate in cui la decelerazione massima non arriva a 1 g, la decelerazione media del Circuit de Barcelona – Catalunya si attesta sull’1,08 g.

Solo Sepang, Aragon, Jerez ed Austin presentano valori medi più bassi. Come ampiamente prevedibile, a Barcellona invece la decelerazione media delle Formula 1 tocca i 4,2 g.


 

Le frenate più impegnative

Delle 10 frenate del Circuit de Barcelona – Catalunya un paio sono classificate impegnative per i freni, 3 sono di media difficoltà; mentre le restanti 5 hanno un’incidenza leggera sugli impianti frenanti. Quattro delle frenate light si trovano nella parte finale del tracciato.

La staccata più dura è quella alla prima curva: le MotoGP vi arrivano a 340 km/h ed entrano in curva a 101 km/h dopo aver percorso in frenata ben 285 metri.                  
Curiosamente le Formula 1 si presentano alla frenata con una velocità minore, “solo” 324 km/h ma riescono ad entrare in curva a 151 km/h, velocità che raggiungono con appena 50 metri di frenata. Per completare la frenata i piloti della MotoGP si attaccano ai freni per 5,1 secondi esercitando un carico sulla leva di 6,7 kg. Gli 1,5 g di decelerazione sono superiori di ben 0,35 g alla decelerazione della Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio da 200 km/h a 0 km/h. La pressione del liquido freno Brembo HTC 64T arriva a 11,6 bar.
                       
I piloti assaggiano 1,5 g di decelerazione anche alla curva 10: la velocità crolla da 267 km/h a 62 km/h in 5,1 metri e 220 metri. In quel frangente il carico sulla leva è di 6,4 kg e la pressione del liquido freno di 11 bar.
Tra le curve di media difficoltà la più tosta è la numero 7: le MotoGP scendono da 230 km/h a 104 km/h in appena 154 metri e 3,4 secondi. La brutalità della decelerazione è testimoniata dagli 1,4 g sperimentati dai piloti.

 

 

Prestazioni Brembo

Tutte e 21 le edizioni del GP di Catalogna sono state conquistate da moto con freni Brembo e anche le 4 edizioni del GP Europa corse su questa pista sono state vinte da moto con freni Brembo: 12 le vittorie Yamaha, 10 Honda, 2 Ducati e 1 Suzuki. Ben 7 i trionfi in 500-MotoGP di Valentino Rossi, che qui ha vinto anche 2 volte in 250 e una in 125, sempre utilizzando gli impianti Brembo.
Con i freni italiani Johann Zarco ha invece vinto le ultime 2 edizioni della gara della Moto2.


 

 

 

Scegliere i migliori dischi freno Brembo per la propria Volkswagen Golf VII (5G1, BQ1, BE1, BE2) in semplici mossehttp://www.brembo.com/it/company/news/scegliere-i-migliori-dischi-freno-brembo-per-la-propria-volkswagen-golf-vii-(5g1-bq1-be1-be2)-in-semplici-mosseScegliere i migliori dischi freno Brembo per la propria Volkswagen Golf VII (5G1, BQ1, BE1, BE2) in semplici mosseDiverse opzioni in termini di fascia frenante e finitura superficiale Ora potete scegliere i dischi freno Brembo che meglio di adattano al vostro stile di guida12017-12-14T23:00:00Z0
CALENDARIO EVENTI SOCIETARI DI BREMBO PER L’ANNO 2018http://www.brembo.com/it/company/news/calendario-eventi-societari-di-brembo-per-il-2018CALENDARIO EVENTI SOCIETARI DI BREMBO PER L’ANNO 2018Si riportano di seguito le date dei principali eventi societari di Brembo previsti per l’anno 2018:12017-12-05T23:00:00Z0

 

 

Compasso d'oro Adihttp://www.brembo.com/it/company/news/compasso-doro-adiCompasso d'oro AdiSCOPRI DI PIÙBTS-bottomDx0DESIGNPer Brembo la bellezza è un valore
Approccio Greenhttp://www.brembo.com/it/company/news/greenApproccio GreenSCOPRI COMEBTS-bottomDx0APPROCCIO GREENVERDE NEI PROCESSI. VERDE NEI PRODOTTI
Innovazionehttp://www.brembo.com/it/company/news/innovazioneInnovazioneECCO PERCHÈBTS-bottomDx0INNOVAZIONEIN BREMBO L'INNOVAZIONE NON SI FERMA MAI
Racinghttp://www.brembo.com/it/company/news/racingRacingSCOPRI QUALIBTS-bottomDx0RACING40 ANNI DI SUCCESSI SOTTO LA BANDIERA A SCACCHI
Ricerca continuahttp://www.brembo.com/it/company/news/ricerca-continuaRicerca continuaSCOPRI DI PIU'BTS-bottomDx0RICERCALA RICERCA BREMBO E' SEMPRE UN PASSO AVANTI

Brembo S.p.A. | P.IVA 00222620163

Seguici su

Seguici su FacebookTwitterYouTubeLinkedInGoogle PlusPinterestInstagramVineYoukuWeibosnapchat.pngwechat.png