Brembo svela l’impegno dei propri sistemi frenanti al GP Azerbaigian 2017 di Formula 1

16/06/2017

Freni sottoposti a grande stress nelle prime curve del Baku City Circuit

Dal 23 al 25 giugno il Baku City Circuit ospita la prima edizione del GP Azerbaijan che rappresenta l’8° appuntamento del Mondiale 2017 di Formula 1.       
Un anno fa, infatti, la gara di Baku assunse la denominazione di GP Europa. La pista, disegnata dall’architetto Hermann Tilke, si snoda lungo le pittoresche vie di Baku.


 


L’infinito rettilineo d’arrivo (oltre 2 km) permette di ottenere altissime velocità ma in generale tutta la pista è all’insegna del pedale acceleratore, come dimostra il 56 per cento della gara disputata a gas spalancato: in qualifica l’anno scorso Nico Rosberg ha realizzato un giro ad una media di oltre 210 km/h.

Il tracciato presenta anche molte curve tecniche, come la 8 e la 15 in cui la precisione nella frenata è fondamentale per non picchiare contro i muri che in quei punti sono vicinissimi.

Il layout prevede 4 curve iniziali a 90 gradi in cui i freni sono soggetti a grandi sollecitazioni e le successive in cui l’angolazione cambia di continuo e di conseguenza anche l’impiego dei freni. Secondo i tecnici Brembo, che hanno classificato le 20 piste del Mondiale usando una scala da 1 a 10, il Baku City Circuit rientra nella categoria dei circuiti impegnativi per i freni.

La pista azera si è meritata un indice di difficoltà di 8, identico a quello ottenuto dalla vicina Sochi e da altri 3 tracciati fra cui Monza.

 

 

L’impegno dei freni durante il GP

Le 11 frenate di ogni giro e l’estrema lunghezza della pista (oltre 6 km) comportano un impiego dei freni di quasi 19 secondi per giro: sono 7 secondi in più del Circuit Gilles-Villeneuve di Montreal, considerato uno dei più stressanti per i freni.

In realtà, però, l’incidenza percentuale dei freni sulla durata della gara è quasi simile: 19 per cento a Baku, 17 per cento in Canada. La media sul giro delle decelerazioni massime è invece di soli 4 g a causa della mancanza, rispetto ad altre piste, di staccate con decelerazioni di 4,7-4,8 g e della presenza di curve con decelerazioni che non superano i 3 g.

Il valore non eccezionale delle decelerazioni è evidente anche dall’energia dissipata in staccata da ogni vettura durante l’intero GP: 171 kWh, vale a dire l’energia elettrica consumata durante tutta la gara da oltre 350 abitanti dell’Azerbaigian.

Dalla partenza alla bandiera a scacchi i tecnici Brembo hanno stimato che ciascun pilota eserciterà in totale un carico di quasi 77 tonnellate e mezzo sul pedale del freno, cioè 100 volte il peso del satellite SPOT7 gestito dall’agenzia spaziale dell’Azerbaigian.

 

 
 

Le frenate più impegnative 

Delle 11 frenate del Baku City Circuit Circuit 2 sono classificate come impegnative per i freni, 7 sono di media difficoltà e 2 sono light.

La più dura per l’impianto frenante è quella alla curva 3: le monoposto vi arrivano a 319 km/h e in soli 2,28 secondi scendono a 95 km/h.
Per riuscirci i piloti esercitano un carico di 153 kg sul pedale del freno e subiscono una decelerazione di 4,6 g.

Con il freno pigiato le vetture percorrono appena 64 metri, meno della lunghezza della gigantesca bandiera nazionale dell’Azerbaigian che sventola a Bayil.

Il carico sul pedale del freno è leggermente superiore alla prima curva (154 kg) ma la diminuzione di velocità è inferiore così come il tempo di ricorso ai frenati: 2,03 secondi per passare da 325 km/h a 122 km/h.

Di conseguenza è più breve anche lo spazio di frenata, 57 metri.

Molto lunga è anche la frenata alla curva 15: 59 metri e 2,14 secondi ma l’impegno richiesto al pilota è leggermente inferiore perché la decelerazione è di “soli” 4,4 g e il carico sulla leva del freno di 143 kg.


 

Prestazioni Brembo

Il GP Azerbaigian potrebbe diventare il 35° GP differente vinto da una monoposto con freni Brembo. Il primato spetta al GP Monaco, conquistato ben 25 volte dai freni italiani.
Dal 1975, stagione d’esordio dei freni Brembo in Formula 1, gli impianti frenanti Brembo hanno conquistato 370 GP, 91 dei quali con Michael Schumacher.


 

 

 

Sicuro che il tuo impianto frenante funzioni ancora bene? Mini guida per scoprirlo!http://www.brembo.com/it/company/news/manutenzione-impianto-brembo-autoSicuro che il tuo impianto frenante funzioni ancora bene? Mini guida per scoprirlo!Cinque domande per capire se è il momento di sostituire dischi, pastiglie o altri componenti dell’impianto frenante. 12017-07-30T22:00:00Z0
Brembo prima in Italia e nel mondo nella classifica delle aziende che creano più valore http://www.brembo.com/it/company/news/brembo-prima-azienda-nella-creazione-di-valoreBrembo prima in Italia e nel mondo nella classifica delle aziende che creano più valore Secondo lo studio di The Boston Consulting Group su 2.350 aziende di tutto il pianeta Brembo è prima in Italia per il Total Shareholder Return prodotta nel periodo 2012-201612017-07-30T22:00:00Z0

 

 

Sicurezzahttp://www.brembo.com/it/company/news/sicurezzaSicurezzaSCOPRI DI PIU'BTS-bottomDx0SICUREZZAPER BREMBO LA SICUREZZA DEI PROPRI COLLABORATORI E' SEMPRE AL PRIMO POSTO
Testinghttp://www.brembo.com/it/company/news/testingTestingSCOPRI COMEBTS-bottomDx0TESTINGUN MILIONE DI CHILOMETRI PER LA FRENATA PERFETTA
Compasso d'oro Adihttp://www.brembo.com/it/company/news/compasso-doro-adiCompasso d'oro AdiSCOPRI DI PIÙBTS-bottomDx0DESIGNPer Brembo la bellezza è un valore
Approccio Greenhttp://www.brembo.com/it/company/news/greenApproccio GreenSCOPRI COMEBTS-bottomDx0APPROCCIO GREENVERDE NEI PROCESSI. VERDE NEI PRODOTTI
Innovazionehttp://www.brembo.com/it/company/news/innovazioneInnovazioneECCO PERCHÈBTS-bottomDx0INNOVAZIONEIN BREMBO L'INNOVAZIONE NON SI FERMA MAI

Brembo S.p.A. | P.IVA 00222620163

Seguici su

Seguici su FacebookTwitterYouTubeLinkedInGoogle PlusPinterestInstagramVineYoukuWeibosnapchat.pngwechat.png